IMG

Il Museo Diocesano di Catania custodisce prioritariamente l’arredo mobile storico della Cattedrale configurandosi pertanto quale museo della Cattedrale e della sede vescovile medesima. Passibile di ampliamenti è l’acquisizione di arredi e opere che possano attestare in modo compiuto le vicende storiche, culturali e religiose del vasto territorio della diocesi. Le opere di provenienza diocesana acquisite al museo attestano prevalentemente vicende e momenti della vita di alcune chiese, regolari e secolari, del territorio.

Un attento restauro condotto nel rispetto delle caratteristiche morfologiche e tipologiche del fabbricato e della destinazione di questo a sede museale, hanno permesso di dare il giusto risalto e la giusta collocazione alle opere d’arte che in esso sono raccolte e custodite. 
 

L’esposizione delle opere d’arte sacra al Museo Diocesano di Catania segue un ordinamento condizionato, in prima istanza, dalla spazialità e distribuzione degli ambienti del vecchio Seminario dei Chierici. Pertanto, l’adattamento del percorso espositivo ai locali restaurati è stato sapientemente attuato con una equilibrata, quanto sensata, suddivisione del patrimonio da valorizzare nei tre piani in cui si sviluppa l’edificio.
Dunque, cautele conservative insieme a una gradevole esposizione, criteri essenziali per ideare un allestimento museale non improvvisato, hanno suggerito ai curatori di procedere ad «una suddivisione tipologica per categorie di materiali (argenti, paramenti, scultura, pittura, e così via) che presentano esigenze espositive analoghe (qualità e temperatura della luce, tipologia dei contenitori, e così via), ma al tempo stesso problematiche artistiche, funzionali e liturgiche affini fra loro». Principi, questi, che hanno suggerito di suddividere la collezione del Museo Diocesano di Catania in due macro sezioni: la prima, distribuita sull’intero secondo piano e in una sala del terzo, comprende le opere provenienti dalla Cattedrale; la seconda sezione, ospitata negli ambienti del terzo e quarto piano, include i manufatti provenienti da altre chiese della Città e della Diocesi.
 

Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 
Foto
 

Iscriviti alla Newsletter.

Rimani aggiornato sulle ultime novità del Museo Diocesano.